Unosetteottonove Testo

Testo Unosetteottonove

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
Quella rivoluzione senza Dio, né stato, quanti ne ha massacrati di baroni e contadini?
Nobili persone tra cieche ghigliottine, questa democrazia è erede di assassini
Di certo non è mia quella rivoluzione, non voglio esser figlio di un'assurda ragione
Di quella borghesia, di quel materialismo, di quell'ideologia!

In quella Francia tramontava il sole ed appassiva un fiore che si chiamava onore!
In quella Francia non si poteva amare e il cielo si oscurava e il pianto degli dèi scendeva!

Quella libertà è creata per sfruttare, quella fraternità significa tradire
E quella uguaglianza è solo ipocrisia, figlia dell'ignoranza e della borghesia
La mia rivoluzione è il Ventidue a Roma, la mia rivoluzione è lo spirito che chiama
Non è un'ideologia, ma una visione pura di una vita ardita!

In quella Francia tramontava il sole ed appassiva un fiore che si chiamava onore!
In quella Francia non si poteva amare e il cielo si oscurava e il pianto degli dèi scendeva!

In quella Francia tramontava il sole ed appassiva un fiore che si chiamava onore!
In quella Francia non si poteva amare e il cielo si oscurava e il pianto degli dèi scendeva!
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.