Din! Don! Testo

Testo Din! Don!

Come una domenica prima di andare in guerra
in piazza e nei quartieri il tocco dell'ave Maria
Segna nelle strade quel silenzio che ristagna
Lento lento come a farlo apposta
nascondevo il naso tra l'imposta
Ora la finestra è sempre chiusa
e l'inverno arriva freddo e senza fretta

Din! Don!

Intanto cambia il borgo e la valle
Cade giù la neve e arranco la montagna non riesco a risalire
E intorno resta un suono cupo un suono che non cambia
È il tocco sordo e greve dell'Ave Maria

Din! Don!

E tu che passi in strada e che non mi dai retta
A stento canti a stento ridi a stento cerchi di vedere vecchi amici
Ed io che non riesco neanche a respirare
non riesco neanche a fare finta di mangiare
A stento canto a stento piango a stento cerco dei medicinali e intanto
Lento lento come a farlo apposta
Copia testo
  • Guarda il video di "Din! Don!"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più