I Nostri Corpi Celesti Testo

Testo I Nostri Corpi Celesti

I nostri corpi celesti i nostri arrivederci scritti sui vetri rotti
le periferie lunari i nostri compromessi storici per non ferirci
e ti ricordi che nostri sogni sfioravano i soffitti
e le trasformazioni le nostre new york interiori
e i mazzi di fiori ai bordi delle strade provinciali
e poi le ali le ali le ali che ti escono dalla schiena
e le polveri sottili dei nostri cuori neri
e ti ricordi che i nostri cieli arrivavano ai soffitti
nelle vetrine deserte dei tuoi occhi
qualche scontro di lamiere e di astri
e succursali di paradisi terrestri
e di grandi aziende dell'europa dell'est
finestre di palazzi indifferenti
e poi per noi sbiadivano tra le antenne i tramonti
e ti ricordi i nostri sogni sfondavano i soffitti
e ti ricordi i nostri disperati sogni di via ripagrande, di viale krasnodar
ti ricordi i nostri disperati sogni di viale monza
e ti ricordi i nostri disperati sogni di via ripagrande, di viale krasnodar
ti ricordi i nostri disperati sogni di viale monza
che si infrangevano contro i soffitti e facevano delle specie di affreschi?
Copia testo
  • Guarda il video di "I Nostri Corpi Celesti"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più