Anfossi Testo

Testo Anfossi

1 colpo di scena o forse e meglio dire un corpo sulla scena
- in quanto lascio il morto ad ogni rima
- non ci sono prove che mi collegano a fatti
- infatti non i legano giro libero in Duomo
sai con me la gente non si è mai messa in fila
- uno faccia a faccia tutti gli altri dietro la schiena
- l'aria pesante come nell'inferno di Dante
- ma qua i gironi sono fatti della Ronde
- sputa fuoco contro Fionde molestano le bionde
- mie donne finche la rabbia non mi fonde
- e il mio primo corpo a terra è quello di un'Agente
- e tra la gente comune nascono leggende
- la madama cercava la fama nella fame
- ma qui la fame si sfama con la loro prole
- riempio buste sul booster per gente illustre
- mentre il questore cerca prove nelle fosse

RITx2 Anfossi Urban Story
dove i bambini spezzano corna ai tori
qui la gente picchia duro e sai perchè
si vive nelle popolari no negli chalet.

2 - 9 millimetri fra _ il taglio sul costato
- mentre chiedi quanto sangue mi è costato
- facce per bene parlano del mio stato
- qui c'è la mala _ no fato _no stato
- se il contratto è il virus che ho contratto
- l'indipendente nel cuore _ è un patto
- e non chiederlo no! _non ho tatto
- e come quando fotto _ il muscolo è contratto
- il padre non è commosso se il figlio muore di fame
- oggi l'amore nel cuore _ è scomparso
- bruciano gomme e cerchi sono scomparso
- se sbirro dice fermati _col cazzo!
- non sono al passo coi tempi li sorpasso
- tu ricomparso sulla scena insceni un falso
- basta uno schiaffo e giri tipo compasso
- io resto il fuoco sul palco e l'ho arso

RITx2 Anfossi Urban Story
dove i bambini spezzano corna ai tori
qui la gente picchia duro e sai perchè
si vive nelle popolari no negli chalet.

3 - sono la glock dei blocchi che sblocca i tuoi blocchi
- vivo dove i problemi non son pochi
- nato tra 2 fuochi la strada e tuoi occhi
- oggi sono i miei eccessi che riempiono i tuoi vuoti
- vivo dove l'infamia ti sposta di peso
- e ti fa uomo di peso per questo ora vi peso
- mentre ti chiedi da cosa è dipeso io rimo il vero
- e il mio disco e quello più atteso
- passato dal piatto vuoto a riempirlo agli altri
- stendendo tracce sui piatti dei piani alti
- io non conosco chi regge il gioco del disco
- ma riconosco le facce sotto il mio palco
- prendi e siedi sulle panche _ punta le banche
- e pensi che sei solo un soldato al fronte
- comprendi solo da grande
- tuo padre i suoi lamenti la gente e i suoi commenti
Copia testo
  • Guarda il video di "Anfossi"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più