Vivere Vivere Testo

Testo Vivere Vivere

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
Alti papaveri e
Piccola Tu,
edere e piovere il pianto vien giù.
La casetta che un pinco pallino un bel giorno incendiò.
Già mi sentivo lontano da Te,
e già qualcuno soffriva per me,
cantava ma soffriva e Tu eri piccola così.
E belle macchine e brutte vie,
ci si svegliava e non c'era più
qualcuno.
Vivere, vivere arrivano i nostri
ed ero piccolo così,
e la Luna mentre arrossiva mi parlò di Te.
Vivere, vivere,
e come bruciava quella meglio gioventù.
I giganti, poveri Cristi, firmamenti
dolci e violenti,
belli e tristi, quegli sceriffi,
sotto il Sole di mezzogiorno.
Che scottava gatte sul tetto
e piaceva calda la vita, calda e dolce sopra l'amara
terra che tremò.
Alti i papaveri, e piccolo io
Tu che studiavi il per come ed il perchè
la tua bocca potesse intontire un bel giorno anche me.
Già mi sentivo perduto, cioè !
s'era già perso qualcuno per Te,
Tu piacevi a troppi
e Tu piacevi troppo a me,
su belle macchine e brutte vie,
ci si svegliava e non c'era più
qualcuno!
Vivere, vivere, arrivano i nostri,
sarò piccolo o mai più?
e la Luna era vicina, ma non eri Tu.
Vivere vivere, e come bruciava
troppo acerbo il cuore , mio.
Per le belle povere stelle,
classi miste,
miste d'orgoglio,
e tremarelle e campanelle.
Marmellate nelle cartelle e biglietti,
fogli volanti
era amore, mica uno scherzo,
che ti squadra, dopo ti incarta,
e ti porta via.
Vivere vivere, la vita mia,
piccole camere ed amarsi così,
certi di essere al mondo,
contenti d'amarsi così
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.