La Curiera Testo

Testo La Curiera

E la curiera che la va sö e giò
e l'autista che na po piö
e la sciura cunt i bei tèt
e la düneta c'ha sbaglià'l biglièt.
Sempru la solita tiritera...
Töcc in sö la curiera.

E i passeggeri a rebaton del suü
la sciura Rosa cunt el so neù
e la turista la capiss nagott
e i tusanett che fann tropp casòtt.
Ma varda te che fèra...
Tücc in sö la curiera!

E ghè anche ul prevet che vö sultà giö,
e un uperari che vö sultà sö
e vert i pört e sara i pört
e l'autista
che l'è stracc mort
sul dinosauro di lamiera...
Tücc in sö la curiera!

E la strada che l'è la tua mamm
oh la strada che l'è la tua tusa
la strada che l'è un tocc de pan
o la strada che la vusa
quela strada che l'è una ciulada
e quella strada che l'è una bela tusa...

E la curiera che la va sö e giö
e 'l cuntrulür cun la giaca blö
tut ciapà a cuntrulàc el biglièt
alla dona cunt i bei tèt
"Oh signorina buonasera".
Tücc in sö la curiera!

Varda la strada, varda'l specètt
porca miseria che razza de tèt
set un autista pensa a guidà
che'l cuntrulür l'è giamò drè a cuntrülà.
Ma varda che atmusfera...
Tücc in sö la curiera!

rit.

Sempru la solita tiritera...
Töcc in sö la curiera.
Copia testo
  • Guarda il video di "La Curiera"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più