Tu Me Vuò Lassà Testo

Testo Tu Me Vuò Lassà

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Tu Me Vuò Lassà"
Ci salutiamo ma l'ultimo bacio sembra diverso
non ha più il sapore di zucchero, non è più tenero.
Rimane fermo il mio sguardo nel vuoto come
un bambino che vuole mangiare le nuvole, non sarà facile.
Pure 'a strada da 'a casa addiventa cchiù longa
pecchè nun 'a faccio abbracciata cu tte',
comm'aggia fa pe sapè, pecchè addà sempe fernì
dint'a na lacrima che è stanca 'e scennere
nun m'annammoro cchiù.
Tu me vuò lassà,
forse Dio na mano me vò dà,
guarda comme chiove te può 'nfonnere,
meglio che riest' n'atu ppoco ccà,
sulo na lacrima può suppurtà.
No, nun m'accarezzà
si le a fa sultanto pe pietà,
io me 'mbroglio e torno a me convincere
ca forse 'a storia nun fernesce ccà
sott'a stu cielo ca me 'nfonne 'o core ca ce pozz'
fa.
S'è fermato stu vient'
nun è cchiù malu tiemp'
nun me resta cchiù niente pe te fa rimane,
ma forse è meglio accussì,
nun pozz' sempe murì dint'a na lacrima
che è stanca 'e scennere nun m'annammoro cchiù.
  • Guarda il video di "Tu Me Vuò Lassà"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.