Senza Strade Testo

Testo Senza Strade

Fabri Fibra condannato per aggressione: colpì un ragazzo con un microfono
Scarica la suoneria di Senza Strade!
Guarda il video di "Senza Strade"

Mio padre mi portava al porto a vedere le navi partire le navi tornare
Le barche vecchie dei pescatori che cucivano le reti bruciati dal sole e dal mare
A volte calmo e tranquillo come un campo in pianura a volte faceva paura

Era lì di fronte a noi immenso senza strade il mare
Era lì di fronte a noi immenso senza strade


Guardavo mio padre guardare mio padre sognare o forse solo ricordare
Lui rideva un pò con gli occhi scrutando il cielo e l'orizzonte mentre mi stringeva forte
Mi diceva ascolta il vento senti com'è fresco il maestrale e com'è bello viaggiare

Era lì di fronte a noi immenso senza strade il mare
Era lì di fronte a noi immenso senza strade

Un giorno tu potrai capire che viaggiando tutto il male potrà scivolare via
Come l'acqua sulla prua potrai voltarti indietro e vedere la sua scia
E che la cosa più importante non è dove potrai arrivare ma che ogni giorno non sia normale

Era lì di fronte a noi immenso senza strade il mare
Era lì di fronte a noi immenso senza strade

Poi una notte di settembre soffiava forte il vento e lui se ne è andato via
Stavo in silenzio e non piangevo e mi voltavo indietro per cercare quella scia
Però mi sono sentito solo e perso in mezzo al buio non sapevo cosa fare

Perchè era lì di fronte a me immenso senza strade il mare
Era lì di fronte a me immenso senza strade

Scarica la suoneria di Senza Strade!
Lascia un commento