Core 'ngrato Testo

Testo Core 'ngrato

Catarí, Catarí.
pecché me dici sti
parole amare,
pecché me parle
e 'o core me turmiente, Catarí?
Nun te scurdà ca
t'aggio dato 'o core,
Catarí, nun te scurdà!
Catarí, Catarí, ché vene a dicere
stu parlà ca me dà spaseme?
Tu nun'nce pienze a stu dulore mio,
tu nun'nce pienze,
tu nun te ne cure.

Core, core 'ngrato,
t'aie pigliato 'a vita mia,
tutt'è passato e
nun'nce pienze chiù.

Catarí, Catarí...
tu nun 'o ssaje ca
fino e 'int'a na chiesa
io só' trasuto e aggiu pregato a Dio,
Catarí.
E ll'aggio ditto pure a 'o cunfessore:
"Stó' a suffrí pe' chella llá...
Stó' a suffrí,
stó' a suffrí nun se pò credere...
stó' a suffrí tutte li strazie!"
E 'o cunfessore, ch'è perzona santa,
mm'ha ditto: "Figliu mio
lássala stá, lássala stá!..."

Core, core 'ngrato,
t'aie pigliato 'a vita mia,
tutt'è passato e
nun'nce pienze chiù.

Tutt'è passato e
nun'nce pienze chiù!
Copia testo
  • Guarda il video di "Core 'ngrato"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più