Marionette Testo

Informazioni su Marionette Marionette è una canzone di Random, pubblicata il 27 marzo 2020.
Il brano vede il featuring di Carl Brave.
La collaborazione con il rapper romano è nata dalla volontà di Random che, in questo singolo, non immaginava nessun’altra voce al suo fianco se non la sua.

Le Marionette cantate da Random, schiave di una relazione tossica, fanno di tutto pur di non perdere la persona amata, inconsapevoli che sia proprio lei il loro burattinaio.
L’artista ama giocare con le parole e la sua metrica si avvicina molto alla poesia, bisogna leggere i suoi testi fra le righe per capirli appieno. Nel singolo, Random invita infatti le marionette a tagliare i fili che le imprigionano e ad allontanare le persone tossiche dalla loro vita.
leggi tutto

Testo Marionette

In tele non c'è niente sento le tue mani fredde su di me
ma sei sempre uguale
non ti sai accontentare
e siamo come marionette innamorate e non sappiamo che
non ti puoi fidare
e non ne posso più
a volte basta chiudere gli occhi
perchè non fidarsi un po' fa male anche a me
e non prendi le tue scelte da un po'
e quel burattinaio forse ha fatto un guaio quando ha scelto te
la rabbia che mi prende se ti vedo con quel tipo che
non vuole il tuo bene
fa il matto quando beve

Ma non te ne frega niente
come se non bastasse
fai finta di niente
avv come fosse normale
tanto alla fine chi è normale
non si perde non si perde nelle cose da fare

A volte basta chiudere gli occhi
perchè non fidarsi un po' fa male anche a me
e non prendi le tue scelte da un po'
e quel burattinaio forse ha fatto un guaio quando ha scelto te

Quel burattinaio forse ha fatto un guaio
ha il sorriso affilato come arma da taglio
lui ti ha fatto il naso
per sentire il suo profumo da lontano è merda non è cioccolato poi le braccia
per stringerlo che questo è una vitaccia
le gambe lunghe per essere elegante
la chiacchierata a Roma benestante
la Roma altolocata ma le tue radici crescono innaffiate di borgata
il viso per metterci la faccia
che più che un fidanzato giuro mi pare un magnaccia
non devi dir ti amo ma mi amo
è un po' che non ci vediamo
la nostra storia scivola come un catamarano
star mano nella mano non vuol dire essere uniti
spegni il cervello un attimo unisci sti puntini
che se non lo capisci allora dormi sugli allori
io quando poi ci sono vedi che ti aspetto fuori

A volte basta chiudere gli occhi
perchè non fidarsi un po' fa male anche a me
e non prendi le tue scelte da un po'
e quel burattinaio forse ha fatto un guaio quando ha scelto te