Unìa Testo

Testo Unìa

Despacito da record: è la canzone più ascoltata di sempre
Chi lacrimi brillanti carinu,
a curruggiu di l'occhi toi
a lu suli poi iddi s'asciuganu,
e la notti poi attacca arrè.

Li sentu li fati ririri,
rintra di mia l'infernu c'è
viola viola l'addevi jocanu,
mentri un ciuri appassirà.

Sona 'a campana a morti,
pi la me anima accumpagnà
nna lu jaddinu di lu piaciri,
idda arriposa in eternità...

Unìa, unìa chi sona, unìa chi 'ntrona.

Chi sonu malatu e frariciu,
la unìa pi cu sonirà...
ad ogni toccu lu cori femmu sta,
mentri un ciuri appassirà.

Cu stu sonu 'nmalirittu,
iddu mi batti na lu pettu
in silenziu tocca a mmia...
in silenziu ora moru.

------------------------------------------------

traduzione in italiano

AGONIA
(nel vernacolo siculo, questa parola,
indica i rintocchi di una campana a morto)

Quali brillanti lacrime
sgorgano dai tuoi occhi,
al sole poi si asciugano
e la notte ricominciano.

Le sento le fate ridere,
dentro di me c'è un inferno,
lungo il sentiero bambini giocano
mentre un fiore appassirà.

Suona la campana a morte
per la mia anima accompagnare,
nel giardino dei piaceri
riposerà per l'eternità.

Agonia, agonia che suona, agonia che rintrona.

Quale suono malato e fradicio
l'agonia per chi suonerà
ad ogni tocco il cuore si ferma
mentre un altro fiore appassirà.

Con questo suono maledetto
che nel petto mi batte
in silenzio tocca a me
in silenzio ora muoio.
Copia testo
  • Guarda il video di "Unìa"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più