Alberto Testo

Testo Alberto

Amici, ecco i finalisti
Sono nato nel sole di un paese grande che libero forse non e' stato mai.

Un paese grande, di gente felice, di grandi foreste e di grandi città,

il Brasile che a marzo ha il ritmo di strada, della scuola di samba che non si ferma mai,

quando ero bambino giocavo per strada con San Paolo e i giardini della mia città.

E la strada ha i suoi giochi, l'eco delle canzoni, il sole caldo d'estate e le onde del mare

E la spiaggia ha i suoi giochi, l'eco delle conchiglie, il sole caldo d'estate e le onde del mare.

Poi la scuola, i pensieri e i bambini neri, gli amici, le feste e il guaranà-guaranà.

Il mattino sereno per giocare a pallone, a piedi nudi per strada la mia lezione,

e in ogni canzone quel tempo che passa, Brasile campione non si ferma mai,

quando ero bambino giocavo per strada con San Paolo e i giardini della mai città.

E la strada ha i suoi giochi, l'eco delle canzoni, il sole caldo d'estate e le onde del mare

E la spiaggia ha i suoi giochi, l'eco delle conchiglie, il sole caldo d'estate e le onde del mare

Poi un giorno di marzo, mio padre decide, mia madre che ride e piange di gioia

si torna in Italia, che io non conoscevo, che allora non volevo, cosa importava a me

in cambio dei giochi, del mercato di frutta, dell'aria di strada, della felicità

e dei mille compagni, del campo di calcio che c'era per strada, che non scorderò più,

e dei mille compagni, del campo di calcio, dell'aria di strada che non scorderò più.

E la strada ha i suoi giochi, l'eco delle canzoni, il sole caldo d'estate e le onde del mare.

E la spiaggia ha i suoi giochi, l'eco delle conchiglie, il sole caldo d'estate e le onde del mare.