Elogio Alla Sublime Convivenza Testo

Testo Elogio Alla Sublime Convivenza

(G. Santucci - M. Gazzè)

Quindi superata l'ossessione
Della solitudine e della devozione

Emerge il fabbisogno esponenziale
Di incrementi demografici e di istinto matriarcale

Dopo un silenzio astrale esplodi il quesito
Sul vizio occulto e il desiderio proibito

Mi assale un profano bisogno e preparo la cena

Quando verranno
Gli anni dei ricordi
Ci troveranno ancora uniti e forti
Sereni per quel che noi siamo stati
Per quello che saremo

E ci esercitiamo ad affinare l'equilibrio
Della reciprocità

Sei forte delle tue certezze esatte
Che si esprimono in pretese di stabilità

Riusciamo a mantenere la giusta distanza
Dal rischio quotidiano della ciclicità.
Adesso vieni vicino ti abbraccio che hai freddo alle mani

Quando verranno
Gli anni dei ricordi
Ci troveranno ancora uniti e forti
Sereni per quel che noi siamo stati
Per quello che saremo.
Copia testo
  • Guarda il video di "Elogio Alla Sublime Convivenza"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più