Cicce Pe' Testo

Testo Cicce Pe'

Marco Mengoni: il nuovo disco esce a gennaio
Scarica la suoneria di Cicce Pe'!
Guarda il video di "Cicce Pe'"

Cicce balla cu u' capon
A perdut u' calandron
Chiù nun sap ce fè
Cicce pè, cicce pè

Eravamo asola e bottone
Eravamo piede e mocassino
Lui ciccio palo il poeta ciabattino
Io calandra sua unica passione
Ci incontrammo un giorno di settembre
Che lottavo con la tramontana
Lui aprì per me la sua bottega
E così non ci lasciammo più

Tacco, giorno dopo giorno
Il mio padrone mi addestrava al canto
Diligentemente ripetevo
Urla il vento soffia la bufera
Mentre la bottega si affollava
Che pareva un covo bolscevico
Amici miei venite ad ascoltare
Questo è il cinguettio dell'anarchia

Cicce balla cu u' capon
A perdut u' calandron
Chiù nun sap ce fè
Cicce pè, cicce pè

Tra una rima e un colpo di martello
Passavamo lieti le mattine
Lavorava declamando versi
Dedicati a gente di ogni tipo
Gritti, storti, vecchi, vanitosi
Maschi loschi, femmine leggere
E per il curato del paese
Recita un rosario di sfottò

Eravamo asola e bottone
Eravamo piede e mocassino
La mattina che rimasi muta
Vide scomparire l'utopia
Vide ammutolire la speranza
Tramontare il sol dell'avvenire
E per darmi l'ultimo saluto
Pianse la sua ultima poesia

Cicce balla cu u' capon
A perdut u' calandron
Chiù nun sap ce fè
Cicce pè, cicce p腅…..ripetuto

Scarica la suoneria di Cicce Pe'!
Lascia un commento