Gli Operai Testo

Testo Gli Operai

Marco Mengoni: il nuovo disco esce a gennaio
Scarica la suoneria di Gli Operai!
Guarda il video di "Gli Operai"

[parlato:] Sì. Sì, sì, li conosco quei discorsi, li ho fatti anch'io. È una vita che parlate di operai.

Belli, con le mani grosse e con i pugni chiusi.
Forti, con le braccia sporche e con il petto in fuori.
Nudi, sudati, coraggiosi
che si muovono gloriosi. Gli operai.

È una vita che fate la retorica sugli operai. Gli operai.

Belli, con le spalle larghe e i visi aperti.
Forti con i loro sguardi fieri e sani.
Veri, autentici, onesti
come si vedono sempre sui vostri manifesti.
Gli operai.

Ma basta con questi discorsi. Basta.

Gli operai sono gente come noi
e non è vero che hanno l'esclusiva
dello sfruttamento.
Gli operai sono anche peggio di noi
perché non ne hanno coscienza
non se ne rendono conto
e non sanno mai niente
e fanno discorsi grossolani che non si possono sentire.

Gli operai sono immaturi e impreparati
leggono poco e non si fidano della cultura.
Gli operai hanno ancora il complesso della borghesia
dei suoi valori scontati che loro vogliono imitare
con sforzi meschini che non si posson più vedere.
Gli operai.

Gli operai sono solo più oppressi e più sfruttati di noi
hanno altri problemi e non sono invischiati in oggetti
che noi custodiamo con cura.
Gli operai hanno addosso soltanto una rabbia che cresce
una rabbia che si estende
da sbattere addosso ai padroni
che la polizia difende.

Gli operai hanno ancora una forza per non farsi fregare
dalla gente per bene che con tante parole
e con tante promesse, li frena, li tiene.
Gli operai.

Gli operai hanno addosso una forza tremenda
che può rovesciare questo mondo di merda
che noi alimentiamo e non si ferma mai.

Gli operai.
Gli operai.
Gli operai…

Scarica la suoneria di Gli Operai!
Lascia un commento