Taglia E Cuci Testo

Testo Taglia E Cuci

Gli album più attesi alla fine dell'estate: da Ligabue a Vasco
Che animale strano che sono nata ieri,
le cose del mondo non so come girano.
Girano e voltano, si incastrano,
quante cazzate buttate al vento, senza un rimpianto.
Che abbiano aperto la stagione venatoria?
Così tanti ispettori del buon lavoro sparano a zero.
Scrutano, poi sputano, poi sparano tanta saggezza
un colpo secco per riempire il
vuoto, non spacciarti per ciò che non sei.
Sei vuoto, non ti credere quel che non puoi.
Taglia e cuci le mie croci
finché il mondo ti dirà…
Che il giardino non mi piace così bianco,
d'un bianco pallido.
Quasi cadaveri le statue inerti
impotenti, ingessate dal
vuoto, non spacciarti per ciò che non sei.
Sei vuoto, non ti credere quel che non puoi.
Taglia e cuci le mie croci
finché il tempo ti dirà
finché il mondo chiarirà
finché il tempo capirà
finché il mondo lo dirà che
non c'è
nessuno e niente
che lo conosce
come
te.
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.